WEBCAM

Il sentiero dei pianeti

L’escursionista inizia il percorso planetario dalla grande cupola dell’osservatorio. Dopo 58 metri raggiunge Mercurio, una sfera dal diametro di 4,9 mm. Gli bastano altri 50 metri per arrivare a Venere; è grande 12,1 mm. Dopo soli 41 metri trova la Terra con un diametro di 12,7 mm, distanza più breve tra due stazioni planetarie. Mancano altri 78 metri a Marte da 6,8 mm. Qui è stata raggiunta la fine del sistema planetario “interno”, ma l’escursionista ha percorso solo 228 metri.

Circa due volte più lontano (550 m) si trova il “gigante” Giove con un diametro di 143 mm. Solo dopo altri 648 metri segue Saturno con una sfera di 120 mm. L’escursionista ha ora percorso 1,427 chilometri e gli restano altri 1,444 chilometri prima di raggiungere Urano, largo 51 mm.

Fino a Nettuno, con un diametro di 49 mm, è ancora più lontano, cioè 1,627 chilometri. Plutone dista ulteriori 4,6 chilometri, anche se non ha più lo status di pianeta, ma ora è considerato un pianeta nano. Con 2,3 mm è la perla più piccola dell’escursione, che termina dopo poco meno di 6 km, che cossispondono circa 5,4 ore di luce.

Solo una volta ogni 330 milioni di anni i pianeti si trovano in una costellazione rettilinea con le distanze indicate sul percorso planetario.

Marker
Leaflet © OpenStreetMap contributors